Blog: http://AntifascismoResistenza.ilcannocchiale.it

La Resistenza polacca

 In Polonia la Resistenza nacque da una duplice necessità: quella di preservare l’identità nazionale, violata da Hitler e da Stalin, e quella di rispondere alle brutalità commesse dai nazisti, che avevano colpito prevalentemente, ma non solo, la popolazione ebraica. La Resistenza polacca visse profonde lacerazioni, divisa com’era tra una fazione moderata, che faceva capo al governo in esilio a Londra, e quella rivoluzionaria di matrice comunista, costituitasi nel 1942 con l’appoggio sovietico e che nel 1944 diede forma al Comitato di liberazione nazionale (PKWN). L’insurrezione degli ebrei del ghetto di Varsavia, distrutto dai tedeschi tra l’aprile e il maggio del 1943, rappresentò un episodio cruciale della Resistenza polacca. La drammaticità della divisione della Resistenza si manifestò in tutta la sua evidenza nella rivolta di Varsavia dell’agosto 1944: organizzata dal governo in esilio a Londra, fu boicottata dai sovietici per ragioni di convenienza politica, così che i tedeschi in ottobre ripresero il controllo della città.

Pubblicato il 23/3/2008 alle 18.48 nella rubrica Altre Resistenze.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web